Sono un birrofilo tardivo.

Intendiamoci, la birra l’ho sempre apprezzata e intensi e vividi sono i ricordi giovanili delle meravigliose bevute da FLEKU a Praga o quelle sul fiume Shannon in Irlanda. Ho sempre superficialmente creduto che per ragioni tradizionali e culturali la birra buona fosse propria di quei paesi lì, mentre quella industriale che bevevo in patria non fosse degna del mio interesse: e ne avevo ben donde. La svolta qualche anno fa: un amico di amici porta ad una festa la sua birra prodotta in casa… buona accidenti… e passo la serata a parlare con lui del come e del perché. Una vera illuminazione: pensare di poter creare, con elementi naturali e semplicissimi, una bevanda alcolica piena di sfumature ed infinite possibilità espressive, mi appariva come un sogno ad occhi aperti. Da allora, studio, esperienze, bevute più consapevoli e grandi riflessioni. Sin dai primi momenti, comunque, non ho avuto dubbi: avrei prodotto birra, o perlomeno ci avrei provato. Ma per centrare il mio obiettivo, dovevo decidere come farla questa benedetta birra: parlo dell’impianto di produzione, quello giusto per me e per i miei prodotti. Mesi e mesi di visite, preventivi, ipotesi, business plan, discussioni e alla fine… ho conosciuto Giovanni. Uno straordinario “ragazzo” che fa un mucchio di cose legate alla terra tra le quali produrre orzo, farne malto e cuocere il frutto di tutto questo lavoro nel suo splendido ed efficiente microbirrificio agricolo. Ho preso con lui un primo appuntamento alle 16 di un certo giorno d’inverno per verificare la possibilità di una collaborazione: ci siamo lasciati alle 22 rimanendo sempre in piedi, girovagando al freddo per tutto lo stabilimento, chiacchierando ininterrottamente. Due settimane dopo stavamo producendo la mia prima cotta: un rapporto davvero sorprendente quello con Giovanni, ricco di consigli, discussioni, complicità e rispetto reciproco.

Il BIRRAIO DEL LAGO nasce così, e sinceramente ne sono felice: il mio impianto può aspettare.

Maurizio,
Ad Maiora!

Chiudi il menu
×

Carrello